AMBIENTAZIONE

Il Triangolo delle Bermuda

Mysteria è un'isola dell'Oceano Atlantico, precisamente una delle centinaia di isole dell'arcipelago delle Bermuda, sebbene molto distaccata e al largo di esso, trovandosi proprio all'interno della famigerata zona detta Triangolo delle Bermuda, luogo di molteplici, storiche, misteriose e inspiegabili scomparse di navi, aerei e loro equipaggi e viaggiatori, più di cento mezzi e mille persone.
Questa vasta zona oceanica è anche detta
Triangolo Maledetto, poichè ha tre punti fondamentali che la delimitano, le Isole Bermuda, le piccole Antille e la punta meridionale della Florida: di sicuro luoghi incantevoli e attraenti, dal clima tropicale, e le spiagge dorate quali sono le cosiddette isole da sogno dell'Atlantico (Bahamas, Caraibi) e dell'America Centrale, così come anche parte dell'America Latina, ma allo stesso tempo scenario di misteriosi naufragi dispersi e dimenticati nell'immensità e gli abissi dell'oceano, senza lasciare dietro di sè alcuna traccia o superstite, a parte qualche relitto di navi abbandonate.
Aerei, navi e persone sono letteralmente spariti nel nulla. Di loro si era a conoscenza della partenza e la destinazione, si avevano anche i contatti radio durante il viaggio quando una volta entrati nel Triangolo Maledetto non se ne ebbe più traccia nè collegamento. Nessuno ancora è in grado di spiegare che fine abbiano fatto mezzi e persone scomparse nè a cosa fosse dovuta la loro sparizione. Molti attribuirono gli eventi a fenomeni surreali, fantastici o addirittura mitologici fra i quali una sorta di rivolta della civiltà perduta di
Atlantide, il continente sommerso nelle acque, centinaia di secoli orsono, proprio in quei pressi, e del quale sembra siano state trovate tracce e rovine sommerse negli abissi.
All'interno del gioco si avranno approfondimenti in cronaca sugli episodi realmente accaduti e ai quali il
gioco di ruolo si atterrà, in modo che ognuno possa interpretare un personaggio naufragato da una di queste sciagure, proprio agli inizi, a metà dell'Ottocento.

Il popolo di Mysteria

L'isola di Mysteria è quindi popolata dai naufraghi superstiti e le vittime degli incidenti avvenuti durante un loro viaggio, che si incontrano, come trascinati da una forza segreta, in questa terra sperduta nell'oceano dove cercano di capire confrontando le loro avventure delle quali ognuno o non ricorda molto o ha una versione diversa dall'altro.
I naufraghi sono persone di tutti i tipi e tutte le
etnie, viaggiatori, commercianti, schiavi, piloti, pirati, pescatori, che viaggiavano su aerei o navi misteriosamente scomparse e si ritrovano a Mysteria.
Le etnie più comuni sono americani, europei, africani, caraibici.
Il tutto in un clima di
mistero e disperazione allo stesso tempo, in un'atmosfera surreale ma naturale allo stesso tempo, in un'isola apparentemente deserta, ma in realtà florida e abitata, tutta da scoprire col tempo e con l'impegno dei naufraghi che dovranno organizzarsi, vivere, lavorare, fondare una civiltà all'interno di essa almeno fino a quando non saranno salvati.
L'isola è abbastanza grande per trovarci grandi
spiagge ma anche una grande foresta, a dir poco una sorta di giungla amazzonica nell'entroterra, circondata da una lunga catena montuosa, labirinto di caverne e miniere e sorgente per i suoi abitanti.
I naufraghi scopriranno col passare del tempo, i segreti e i misteri dell'isola, che non saranno pochi: potranno trovare miniere, tesori, dovranno risolvere
enigmi, scoprire arcane tracce di civiltà antiche e oltre tutto questo cercare di fare una vita il meno stentata possibile.
Così come scopriranno la presenza di un popolo già esistente in
villaggi sparsi ma ben nascosti ai visitatori malcapitati:sono gli abitanti indigeni dell'isola, selvaggi e spesso ostili ai nuovi arrivati, anche se non tutti.
Il metodo di pagamento fra i naufraghi saranno le
Gemme acquamarina, l'unica, preziosa e rara risorsa mineraria dell'Isola.

Cenni su Atlantide

Detto l'ottavo Continente, Atlantide, come narra la leggenda, è stata una grande isola dalla cui città principale prende il nome, posta nel mezzo dell'Oceano Atlantico, che inizialmente comunicava con l'Africa e parte dell'America Meridionale, per poi sparire poco a poco sommersa dalle acque, reale fenomeno della terra.
Platone raccont
ò che la civiltà avesse vasto dominio in gran parte della terra e che il suo sprofondamento avvenne in un giorno solo a causa di un diluvio devastante, in seguito a una guerra con il mitologico regno greco con il quale aveva dei contatti.
Molti altri ipotizzarono terremoti, eruzioni di vulcani sottomarini, ma in realtà anche Atlantide rimane sempre un
mistero.
Nell'isola si instaurò una grande e avanza
ta civiltà, un regno di sovrani conquistatori.
E' probabile che durante il suo sprofondamento molti superstiti si siano trasferiti sulle terre dei continenti adiacenti e vi si siano stabiliti fondando nuove grandi civiltà come
Aztechi, Maya e Incas nell' America Meridionale ed Egiziani in Africa, i quali monumentali simboli come la Piramide e la Sfinge sembrano essere stati ritrovati negli abissi dell'Atlantico. Civiltà tutte molto simili fra loro e molto sviluppate come lo era Atlantide.

Homepage